VENTISEI VITE D’AUTORE DA GODERE COME UN ROMANZO

Ho incontrato Marìas grazie a una lettrice che me lo impose e io lo usai per ampliare le reciproche affinità elettive.
Un episodio della vita che mi ha lasciato un autore da collocare nel mio Olimpo personale della letteratura.
C’è una devozione da lettore e da libraio nel toccare un nuovo libro di Javier, la consapevolezza che prima o poi dovrò averci a che fare e le Vite d’autore non è stato da meno.
Sono ventisei vite scritte da godere come un romanzo cominciando da Faulkner, antipatico e gretto che scrive libri solo per comprare cavalli, sua unica passione.
La sua opinione sugli scrittori d’America?
Tutti falliti,  Conrad, uomo perennemente in panciolle e fumatore incallito che odiava i poeti (e fin qui nulla di male), uomo di ironia acuta e taciturno.
La spettrale baronessa Blixen devota a Shakespeare, ostriche e champagne, ineffabile e terribile negli ambienti nobiliari,  si definiva una strega di tremila anni.
Joyce che scriveva oscenità a sua moglie nelle lettere, definito lapidariamente da costei ubriacone e fanatico, non diede mai al sacerdote della scrittura la soddisfazione di leggere l’Ulisse.
L’unico evento rilevante nella vita di Tomasi di Lampedusa? La pubblicazione del Gattopardo dopo la sua morte.
La misantropia di Nabokov e la sua Lolita salvata più volte dalle fiamme dalla moglie Vera. Rimbaud, immenso e osceno e fin qui nulla di nuovo. ma facilmente stancabile di sé.
Quando a Parigi la sua leggenda ormai era cresciuta a dismisura, lui infastidito decretò la sua opera “Merda alla poesia”.
Questi ed altri ritratti d’autore sapientemente tramutati in racconti intrisi di favole e stralunatezze, congetture e manie, psicosi e singolarità si incontreranno nelle pagine di Marias dove l’umanità, con tutto quello che comporta, camminerà di pari passo con l’arte dello scrivere.

Francesco Wurzburger

LIBRO Le vite scritte
AUTORE Javier Marias
EDITORE Einaudi
PREZZO € 19,00